Mobilità Pubblico Impiego

Inserisci gratuitamente il tuo annuncio

Che cos’è la mobilità? La mobilità nel settore pubblico soddisfa sia le esigenze del singolo lavoratore alla crescita professionale, sia la necessità delle amministrazioni di reclutare o collocare diversamente il proprio personale. Questa si può dividere in due categorie: quella volontaria e quella compensativa.
Guida mobilità nel Pubblico Impiego

Ultime posizioni lavorative pubblicate

Sede desiderata Posizione Attuale Inserito il
altro ospedale pubblico o asl Roma infermiere Cremona 30/08/2016 Dettagli
Az.Ulss Toscana impiegato Vicenza 29/08/2016 Dettagli
Comune di Bologna Bologna educatore asilo nido Parma 29/08/2016 Dettagli
asl foggia Foggia infermiere Taranto 29/08/2016 Dettagli
ASL 9 TREVISO Treviso operatore socio sanitario Treviso 29/08/2016 Dettagli
Asl Caserta, Benevento, Napoli, Latina, Frosinone Napoli infermiere Ravenna 29/08/2016 Dettagli
altro ente pubblico Firenze coadiutore Firenze 29/08/2016 Dettagli
altro ente pubblico Monza e Brianza amministrativo cat B Milano 29/08/2016 Dettagli
A.S.L Padova, Treviso, Venezia, Vicenza dirigente Rovigo 29/08/2016 Dettagli
Azienda Ospedaliera "Spedali Civili di Brescia" Brescia infermiere Brescia 29/08/2016 Dettagli
ente pubblico Puglia infermiere Milano 29/08/2016 Dettagli
ASL UMBERTO PARINI VALLE D'AOSTA Aosta infermiere Torino 28/08/2016 Dettagli
A.O e ASL Trento operatore socio sanitario Nuoro 28/08/2016 Dettagli
altre amministrazioni Venezia, Treviso amministrativo cat C Treviso 28/08/2016 Dettagli
azienda sanitari locale Avellino infermiere Napoli 28/08/2016 Dettagli
comuni Teramo poliziotto municipale Sondrio 28/08/2016 Dettagli
asl viterbo Viterbo infermiere Roma 28/08/2016 Dettagli
AOUP Pisa Pisa infermiere Torino 28/08/2016 Dettagli
polizia locale Imperia istruttore di vigilanza Modena 28/08/2016 Dettagli
a . s. l. ente pubblico sanita' Sassari operatore socio sanitario Cagliari 27/08/2016 Dettagli

MOBILITA' VOLONTARIA

La mobilità volontaria permette al dipendente di passare direttamente a un’amministrazione diversa.
Questo trasferimento è possibile anche fra comparti diversi, richiedendo al lavoratore interessato una parità di qualifica, ma non di profilo professionale. E’ sempre necessario il nullaosta da parte dell'amministrazione di appartenenza. Secondo la normativa, infatti, la mobilità non è un diritto del pubblico dipendente, quindi l’ultima parola spetta sempre all’attuale datore di lavoro.

MOBILITA' COMPENSATIVA

La mobilità compensativa o interscambio si basa sull’accordo fra due dipendenti di pari qualifica e pari profilo professionale e comporta un vero e proprio scambio di posto fra i due soggetti interessati. Nonostante la discrezionalità lasciata alle singole amministrazioni, l'interscambio è un ottimo metodo per coniugare le proprie esigenze personali e professionali. Per quanto riguarda l’ente datore di lavoro, lo svantaggio dovuto alla perdita di una risorsa è nullo o comunque ridotto ai minimi termini. Per questo motivo una pratica di mobilità compensativa ha maggiori probabilità di successo rispetto a quella volontaria.

Inserisci gratuitamente il tuo annuncio